FOOD TOUR | 5 Nuovi Locali Senza Glutine a Bologna che Dovete Assolutamente Provare!

“Bologna non è famosa per essere una città a misura di celiaci, e in effetti non offre molto.” Scrivevo sei mesi fa nel mio articolo su Paneamoreceliachia.

Ecco, negli ultimi sei mesi a Bologna il senza glutine è esploso.

In questo post vi porto a conoscere i cinque locali che, secondo me, non potete perdervi la prossima volta che passate di qua.

1. Aldina Senza Glutine: solo farine naturali e ottimo street food

Spesso chi fa cucina senza glutine cerca di riprodurre quella non glutinosa. Risultato? L’Italia pullula di ristoranti senza glutine che fanno cibo davvero poco salutare. Aldina è il primo locale a Bologna che propone uno street food senza glutine e pure sano. 

Da Aldina si usano solo farine naturali e prodotti di altissima qualità, tendenzialmente biologici. L’Aldina -il prodotto che dà il nome al locale- è una rivisitazione healthy della tigella: un disco basso di farina di riso e stracchino aromatizzato all’origano, che vi giuro essere buonissimo anche con la crema di nocciola. Ma hanno anche biscotti, polpette vegani, muffin senza lattosio.

Sia nella filosofia della cucina -tradizionale, ma con prodotti di qualità e un occhio alla salute- che nell’arredamento minimal del locale si vede l’influenza di Londra, dove Thomas e Davide hanno vissuto tanti anni.

Pochi oggetti d’arredo tra il vintage e il nordico, pochi piatti fissi, un menù che cambia sempre, a seconda dei prodotti che trovano al mercato.

Aldina Gluten Free
Via Paolo Fabbri 4/C
Bologna

La caratteristica meravigliosa di Aldina è che è anche da asporto! Potete ordinare piadine e aldine su Deliveroo e farvele recapitare a casa in 30 minuti.

2. La nuova rosticceria del Fiordaliso

Della Pasticceria Fiordaliso avevo già parlato nel mio primo Food Tour di Bologna.

La novità della primavera 2017 è l’apertura di una rosticceria proprio di fianco al negozio principale. Oltre a pizza al trancio e panini, propongono una gran varietà di piccoli fritti senza glutine davvero buonissimi. Si spazia dalla frittura di pesce senza glutine (introvabile a Bologna) alla deliziosa crema fritta, passando dalla tipica farinata genovese. Insomma, una cucina non sanissima ma che a noi celiaci manca tanto.

La rosticceria è talmente buona che spesso si fermano anche persone non celiache.

Rosticceria Fiordaliso
Via Nazario Sauro 8
Bologna

3. Panotto: metti un tagliere di salumi senza glutine a Bologna

Fino a un mese fa, non sapevo dove consigliare di fare un aperitivo senza glutine a Bologna. Ora sì. Panotto non solo propone panini e piade senza glutine (preparati dal forno di via Petrarca) ma ha solo salumi certificati senza glutine.

E ha anche i salumi vegani!

Una bellissima novità per chi non mangia carne e ha voglia di sedersi comunque a fare un aperitivo in compagnia. In un colpo solo, Panotto ha messo tranquille me e i miei amici vegetariani.

Via d’Azeglio è inoltre deliziosa da osservare. Tra bolognesi che si affrettano a fare commissioni e di fan di Lucio Dalla che guardano le sue finestre con gli occhi lucidi, c’è da restare incantati per ore.

Foto via Panotto – Facebook
Panotto

Via d’Azeglio 8
Bologna

4. Cremeria San Francesco: di gelati e tiramisù (senza glutine)

Nel primo food tour senza glutine di Bologna vi ho parlato di gelato vegano, ma questa volta è gelato vero!

La Cremeria San Francesco è stata una piacevole scoperta in una passeggiata primaverile. Vicina alla zona del Pratello (che non amo molto) ha solo gelati senza glutine, e ai celiaci offre qualche sfizio in più.

Impossibile non restare con l’acquolina in bocca davanti ai loro biscotti ripieni di gelato, o alle maxi coppe di tiramisù da asporto. Ecco, sono tutti senza glutine! Vale la pena gustarseli nell’adiacente Piazza San Francesco, una delle più belle e sottovalutate di Bologna.

Cremeria San Francesco
Piazza San Francesco 1/b
Bologna

5. Podere San Giuliano: mangiare senza glutine e in maniera sostenibile

Per questa quinta tappa ci spostiamo un po’ fuori Bologna, nella campagna di San Lazzaro. Ma se siete della zona, o se venite a Bologna in macchina, una gita al Podere San Giuliano non ve la dovete perdere.

Il Podere San Giuliano è in primis un’azienda agricola. Significa che la maggior parte di quel che serve il ristorante è stato coltivato nelle campagne attorno a voi. Quel che non producono loro, lo comprano a chilometro zero da altre aziende del territorio di Bologna. Questa sua vocazione ad un’alimentazione sostenibile, per le persone e per il territorio, gli vale un grande applauso. Ma se vi sedete a tavola non vorrete più alzarvi: la loro cucina è semplice, genuina e sfiziosa.

Il Podere San Giuliano è stata per me una nuova scoperta, ma fa cibo senza glutine da 12 anni.

Ci sono andata per caso, e potete immaginare il mio stupore quando mi hanno presentato tagliatelle, tortellini e tortelloni senza glutine fatti a mano da loro.

Il Podere San Giuliano è anche Bed And Breakfast, quindi potete scegliere di fare base qui per esplorare Bologna. Non oso immaginare le meraviglie che vi proporranno per colazione!

Podere San Giuliano
Via Galletta 3
Le Mura di San Carlo
San Lazzaro di Savena (BO)

Weekend Senza Glutine a Bologna: tutto quello che c’è da sapere

Se dopo questo post ti ho convinto a venire a Bologna sono contenta! Se vuoi una mano ad organizzare il tuo soggiorno, questi articoli potrebbero interessarti:

  • Itinerario Senza Glutine per un giorno a Bologna
    Questo mio primo e apprezzatissimo post su Bologna, pubblicato su Paneamoreceliachia, è un tour tra localini senza glutine e le bellezze della città. Comprende anche una cartina per non perdersi nessuna tappa!
  • Come organizzare una vacanza senza glutine a Bologna
    Questo articolo raccoglie una serie di consigli “da insider” più le risposte alle domande che mi avete fatto più spesso su Bologna. Consigli su cosa vedere, dove dormire e sì, anche qualche altro ristorante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *